Giancane live a Villa Ada: un concerto per superare l’ansia e il disagio

Ultimo aggiornamento:

La musica che cura l’ansia e il disagio, che consente di superare ogni forma di ipocondria, che permette di immaginare una totale assenza di vincoli e limitazioni nonostante tutto quello che è successo. Le parole e i riff di Giancane come antidoto e rimedio, la sua ironia e il suo divertimento come un’ancora che ci (ri)porta ad una normalità. Le sue storie fatte di “vecchi di merda”, “fascisti adottati”, “Hogan blu” ostentate, che sanciscono uno spartiacque dolceamaro e a volte cinico per raccontare una realtà che a lungo ci è sfuggita di mano.

#lamusicachecura è il claim di Villa Ada Roma Incontra Il Mondo un Festival che riparte proprio dal potere salvifico della musica, dalla sua valenza terapeutica e sociale.

Ad inaugurare la rassegna è stato proprio Giancane, protagonista di un live potente, visionario, ironico. Punk. “Ragazzi mi siete mancati tantissimo – ha detto al pubblico -. Avevo pensato che forse non sarei mai più tornato su un palco, ora è meglio suonare, altrimenti mi commuovo”. E così la sua band lo ha accompagnato in un percorso musicale che ha toccato tutta la sua carriera. E nonostante il pubblico fosse seduto, Giancane è riuscito a far immaginare la possibilità di non percepire alcuna limitazione. “E’ strano, ma siamo tutti qui, ed è questo quello che conta”.

E dopo le ultime note l’impressione netta, chiara e lampante è di esser stati protagonisti di un piccolo frammento di una nuova vita, di un passo verso una salvezza che passa attraverso la musica.

Altre storie
Cattive stelle. Francesca Michielin feat. Vasco Brondi. Il matrimonio definitivo fra indie e pop?