Pietro Turano: ascoltare il rumore dell’Eclissi

Attraversare la luce, farsi strada nel buio, abbracciare ogni rifrazione visibile e farla propria, come una storia collettiva che diventa parte di un percorso individuale. Pietro Turano con il suo podcast Eclissi, prodotto da Cross Productions, ha raccontato tramite la voce dei protagonisti sei storie di riscatto e libertà. Un format che in occasione della rassegna LineUp! all’interno di Romaeuropa Festival. viene portato sul palco per diventare testimonianza in carne ed ossa, non più solo in voce, del percorso di vita di queste anime che sono tornate a guardare la luce dopo un’eclissi.

Il valore politico di un’eclissi

Storie di ombre e di buio squarciate da una luce improvvisa che indica una nuova strada. La paura di attraversare l’oscurità e di lasciarsi scottare da un fascio luminoso in grado di riscaldare, confortare e a volte anche bruciare. Pietro Turano porta le storie del suo fortunatissimo podcast Eclissi sul palco del Romaeuropa Festival, un passaggio necessario per dare corpo e forma alle voci dei protagonisti. “La luce fa paura, così come fa paura l’ombra e come spaventa attraversare fasi lunari ed eclissi – ci racconta -. Una paura dettata dal timore di esporsi, di rendersi visibili. Con il nostro podcast abbiamo voluto raccontare cosa succede quando dobbiamo affrontare il passaggio di stato dal buio alla luce”.

E così storie individuali diventano esperienza collettiva tangibile in un percorso di autoriconoscimento e legittimazione. “L’obiettivo era partire dal microcosmo di una storia per allargare al macrocosmo di una società. Allargare ci fa sentire meno piccoli, meno osservati e ci fa comprendere, attraverso lo sguardo di una persona, i contesti nei quali viviamo”.

Il racconto di una storia diventa accettazione della diversità individuale ma al tempo stesso si trasforma nel percorso verso un’uguaglianza. Eclissi, soprattutto nel formato talk, è un format politico nel suo portare alla luce storie invisibili e farle diventare parte di un tessuto globale che coinvolge tutt*. Un rumore di fondo destinato a diventare musica corale. “Il rumore dell’eclissi va ascoltato con attenzione. Anche perché ogni eclissi ha un rumore diverso, che va compreso, interiorizzato ed abbracciato”.

Altre storie
Carmen Consoli e Priestess raccontano presente e futuro della musica