Fermi tutti: Colapesce e Dimartino quinti a Sanremo

Ultimo aggiornamento:

“E tu come fai a saperlo?”

“Lo so”

“E dimmelo…”

“Non te lo posso dire”.

La 71^ edizione di Sanremo inizierà il prossimo 2 marzo 2021, ma Colapesce e Dimartino già sanno come andrà.

Il duo Colapesce-Dimartino che concorrerà tra i big nella prossima edizione del Festival della musica italiana con il brano “Musica leggerissima”, alleggerisce l’attesa con un video pubblicato sui loro canali social.

E una rivelazione: arriveranno quinti.

Un appuntamento segreto, un vicolo poco illuminato, l’insegna di un hotel che fa da sfondo a una scena simil-tarantiniana. Il protagonista è un segreto che viene condiviso dai due, in contatto con i poteri occulti e innominabili. Quale sarà la loro posizione nella classifica finale della gara tanto attesa?

E se da un lato Lorenzo Urciullo, in arte Colapesce, confessa lo stress che in questi giorni lo pervade in vista della competizione, dall’altro è un losco Antonio Di Martino a tranquillizzarlo, convocandolo in quel vicolo per rassicurarlo: “Arriviamo quinti”.

“I MORTALI: SANREMO 2021” è stato realizzato da Ground’s Oranges

Uno scambio di battute costruite con ironia e leggerezza, una gag divertente che tira in ballo la massoneria, la DC e i Cavalieri di Malta. Un cameo, quello di Diodato, l’ultimo vincitore di Sanremo a cui è stato rubato qualcosa di importantissimo, il premio.

Quel Leone rampante sulla palma, simbolo della città che ospita il Festival, non viene mai mostrato ma manifestato attraverso una luce dorata che si propaga dal fondo di una sospetta borsa nera.

Un colpo di scena irrompe in questo che è un vero e proprio cortometraggio a firma di Zavvo Nicolosi.

Un momento catartico che alleggerisce le ultime settimane di attesa di Colapesce e Dimartino, poco prima di calcare per la prima volta insieme il palcoscenico dell’Ariston.

Non mancano le citazioni a Vasco Rossi e Ultimo, accomunati da posti scomodi e speculari, penultimo classificato il primo nel 1983 e secondo l’altro nel 2019, ma riconosciuti come artisti in grado di riempire gli stadi.

Si scherza su posizioni e numeri, si fanno congetture e si prova a smorzare la tensione, in questo cortometraggio che viene lanciato insieme a una necessaria ventata di leggerezza. E non è un caso, forse, che “Musica leggerissima” sia anche il titolo del brano con cui i due artisti parteciperanno da big alla gara.

Avranno ragione? Sarà davvero la quinta posizione quella che gli spetterà in classifica?

Loro pensano di sì.

E chi siamo noi per metterci contro i poteri forti e il deep web?

Altre storie
Kokoroko live al Monk per il Roma Jazz Festival
Kokoroko: un live che lascia senza fiato