Madame: “Il mio amico” Fabri Fibra

Ultimo aggiornamento:

Un inno d’amore verso la musica, un feat. inatteso e sorprendente. Madame, dopo aver duettato con il gotha del rap italiano da Marracash a Tedua, da Lazza a Dani Faiv, presenta il nuovo singolo “Il mio amico” in combo con Fabri Fibra e per la produzione di Bias e DRD aka Dardust. Il gioco di specchi dà vita ad una canzone dai toni leggeri con un testo che rappresenta un “patto di sangue” fra i due artisti e il rap

Madame: Fibra è un mio simile

Scelte sbagliate in grado di trasformarsi in poesia e diventare frammenti di vita. Scelte capaci di abbattere ogni diaframma fra bene e male, realtà e percezione. L’intro di un pezzo in perenne repeat che riecheggia e sgombera l’aria dalle urla e dai temporali interiori. Una mano e un abbraccio in grado di cullare e allontanare il desiderio di non lasciare più tracce. La musica ed il rap come una dolce pioggia che spegne ogni fuoco. Note e flow che di trasformano in una rete in grado di attutire il tonfo di un corpo che prova a danzare nel vuoto.

“Il mio amico”, il nuovo singolo di Madame impreziosito dal feat. di Fabri Fibra e prodotto da Bias e Dardust è il primo estratto del disco di esordio in uscita in primavera. Il brano anticipa anche la presenza di Madame sul palco dell’Ariston il prossimo Sanremo.

Quando ho conosciuto Fabri Fibra ho capito subito che sarebbe stato perfetto in questo brano: appena è entrato nella stanza in cui lo aspettavo mi ha travolta con la sua aura ed è scattato qualcosa. L’ho riconosciuto come mio simile, è un essere sincero, puro. “Il mio amico” è un pezzo altrettanto sincero e punk, perfetto per lui”.

Una somiglianza che si rispecchia nel testo del brano: “Amico stammi vicino, anche quelle notti in cui io voglio morire, ma non vuoi sentire tutto quello che dico. Amico stammi vicino. Vicino”.

Vicino come un flow che inizia con una voce e si incastra nella voce dell’altro. Vicino come quelle la strada che percorre una lacrima sul volto prima di poggiarsi su un sorriso.


Altre storie
John Qualcosa: “Sopravvivere agli amanti” è un atto di sensibilità