Il Ddl Zan a Roma: “Non un passo indietro”

Ultimo aggiornamento:

Sabato 15 maggio piazza del Popolo si è tinta di pensieri, voci, musica e colori. La parola d’ordine è stata “universalità”.
Il Ddl Zan, attualmente in procinto di essere valutato dal Senato, rappresenta quel passo avanti atteso da troppo tempo.
L’intervento dal palco dell’onorevole Alessandro Zan, al quale si deve la scrittura del decreto, rafforza l’urgenza e la necessità di mandare avanti la Storia.
Le Karma B introducono e sostengono un coro di voci che reclama presenza, visibilità e dignità.
Vladimir Luxuria e Monica Cirinnà, Claudio Mazzella presidente del circolo Mario Mieli, lo stesso Zan e realtà come Lucha y Siesta e Non Una di Meno lavorano insieme per cercare di rendere il prossimo 17 maggio l’ultima giornata contro l’omobitransfobia senza una legge contro i crimini d’odio.

“Non un passo indietro” per muoversi verso il futuro.

Altre storie
Non facciamone un lesbodramma extended: una conversazione con Cuore, Cervello e Gina