Valentina Gaia: Lonely, un urlo sussurrato che rompe la solitudine

Valentina Gaia è un’artista poliedrica, curiosa, sempre alla ricerca di nuove forme espressive. Musicista, attrice, regista e scrittrice, presenta il suo nuovo singolo Lonely, realizzato a metà strada fra l’Italia e la Grande Mela. Una canzone intima e delicata, accompagnata da un suggestivo video girato dalla regista bolognese Eva Lacroix nella cornice di Coney Island. Un inno all’indipendenza che ha la forza di un urlo sussurrato

Valentina Gaia: Lonely we grow, lonely we fall

La necessità di esprimersi attraverso una canzone, cercando di rincorrere le parole perfette, le frasi adatte ad esternare uno stato d’animo complesso, aggrovigliato. L’urgenza di urlare, di far sentire la propria voce, di squarciare la solitudine e l’isolamento. La consapevolezza dell’impercettibilità della linea che separa la meraviglia dal disastro, l’incanto dal fallimento. Valentina Gaia, con il suo nuovo singolo Lonely prodotto da Andrea Bergesio, realizza un inno emotivo ed emozionale. Una canzone nella quale la solitudine diventa un punto di partenza per la ricostruzione di una nuova esigenza vitale.

Valentina Gaia
Valentina Gaia

“Lone, Lonely we grow, Lonely we fall
We’re all lonely for something
We don’t know we’re lonely for”.

La solitudine come passaggio quasi necessario per una maturazione, per rialzarsi dopo una caduta. La ricerca di un senso spesso sfuggente, l’urgenza di essere se stessi, senza farsi annichilire dagli eventi. Lonely è una canzone dalle tonalità sfumate, ma dal significato potente. Un inno che ricorda, a livello musicale, l’ultimo disco di Lana Del Rey, nel suo sali e scendi fra suoni delicati e parole dense. Un testo che rende omaggio alla poetica di David Foster Wallace e che pur parlando di isolamento emotivo è frutto di un lavoro collettivo.

Il video di Lonely

La spiaggia deserta di Coney Island, il mare leggermente increspato, una corsa liberatoria verso la riva. Il video di Lonely, realizzato dalla regista bolognese Eva Lacroix, è un viaggio emozionale in una New York sfumata, nel quale si alternano paesaggi marini e i percorsi urbani di Williamsburg. La Grande Mela rappresenta una rinascita per Valentina Gaia, che ha deciso di trasferirsi negli Usa per scommettere su un nuovo inizio. L’artist attualmente è al lavoro sulla sceneggiatura del suo primo film prodotto da Nightswim e Ascent Film. Un’opera scritta a quattro mani da una coppia che ha affrontato una separazione dopo lunghi anni e che diventerà anche un romanzo per l’editore Harper Collins Italia.

Valentina Gaia
Valentina Gaia

“Ho sempre così paura di fallire, che rimando le cose a cui tengo.

Quindi ho bisogno di urlare ad alta voce Proprio adesso!”.

E l’urlo di Valentina squarcia il silenzio della solitudine. Un urlo fragile come il suono di un ukulele, ma liberatorio come il mare che accoglie il nostro abbraccio.

Altre storie
Ink Noises – Mina e Gubrin nel giorno del compleanno un tributo alla voce dell’Italia