TvBoy: Divided We Stand, United We Fall

Con la sua nuova opera “Divided We Stand, United We Fall”, TvBoy ancora una volta usa l’arte per veicolare un messaggio di forte critica sociale, con un significato, però, sempre positivo.

Una chiamata alla responsabilità

Salvatore Benintende, aka TvBoy, per realizzare la sua ultima opera di street art ha scelto la Spagna, uno dei paesi europei più colpiti dalla pandemia di covid-19 in atto. In particolare Barcellona dove, su Carrer del Bisbe, a pochi passi dai palazzi del Comune e della Provincia Catalana, su una vetrina ha raffigurato il suo “Zio Sam”.

Ispirandosi al poster che nel 1917 invitava gli americani ad arruolarsi nell’esercito in vista della prima guerra mondiale, TvBoy lancia la sua chiamata alle armi.

La sua però è una guerra pacifica, in cui cerca di salvare la vita e non toglierla. Agli antipodi del manifesto originario, il suo slogan lo ribalta nei termini per stravolgerne il significato.

Il motto “United we stand, divided we fall” originariamente scritto da Esopo nella sua favola “Il leone ed i tre buoi” e poi abusato a fini patriottici soprattutto nella storia americana, diventa invece l’opposto: “Divided we stand, united we fall”.

TvBoy riassume in questa frase il senso di tutte le prescrizioni che si stanno divulgando per invitare la gente ad un comportamento responsabile che contrasti la diffusione del covid-19.

Sappiamo tutti che in questi giorni ci è richiesto di rimanere a casa isolati e di evitare di unirci in assembramenti che faciliterebbero il contagio e questo ci chiede l’imperativo Zio Sam dello street artist palermitano.

Lo Zio Sam è protettivo

TvBoy raffigura uno Zio Sam coscienzioso e responsabile, che indossa la mascherina e porta in testa un cappello su cui è rappresentata la bandiera europea.

Sì perchè in quest’opera c’è anche un ulteriore significato, meno evidente ma altrettanto potente. Ed è quello di una forte critica alla politica in atto negli Stati Uniti in questi giorni di pandemia.

Il presidente Trump ha più volte minimizzato gli effetti ed i pericoli del covid-19, quasi ridicolizzando le misure drastiche adottate dagli altri paesi.

Solo in questi ultimi giorni, quando ormai risulta evidente che anche gli Stati Uniti sono diventati terreno di caccia del virus, ha adottato le prime misure.

Misure che, in perfetto stile Trump, sono mirate al perseguimento di una politica populista e di chiusura all’esterno.

E quindi, niente più voli verso l’Europa e velocizzazione nell’innalzamento del muro al confine con il Messico. Ed ancora, restrizioni alla circolazione delle merci importate da Cina e Corea. Il tutto senza neanche una parola sul dramma sociale che rischia il paese privo di un vero sistema sanitario pubblico.

Trump usa quindi il virus “straniero”, come da lui stesso definito, per inoculare una politica conservatrice e razzista. Una posizione che mira ad isolare l’America con misure ancor più protezionistiche.

Agli occhi di un artista intelligente come TvBoy tutto questo non è passato inosservato ed è stato tradotto in un’unica semplice immagine.

Un messaggio sottile ma feroce, come il nemico che stiamo combattendo tutti insieme, ma separatamente.

Altre storie
M¥SS KETA alla Treccani: un talk in CAPSLOCK